Display Embedded e Smart (dotati di scheda System on-Module)

Al giorno d’oggi persino applicazioni embedded nell’ambito del controllo richiedono interfacce uomo-macchina grafica (GUI) sofisticate ed accattivanti, per un’interazione uomo-macchina basata su un approccio grafico (Human Interface Machine, HIM).

Sfortunatamente per dotare di tali miglioramenti di interazione le applicazioni embedded pre-esistenti, significa dover impiegare notevoli risorse sia di sviluppo software che di natura hardware.

Mentre il costo hardware addizionale (ad esempio un display dotato di schermo touch, detto Touch Panel, TP) è facile da determinare, non lo è affatto in termini software: si può arrivare al paradosso che lo sforzo degli sviluppatori sia completamente assorbito da questo ingresso «innocente» di una «banale» interfaccia utente migliorata che da umili tasti fisici diventa visuale, grafica.

Proprio per evitare questa defocalizzazione dalla applicazione principale dei clienti, sono nati display con GUI a basso impatto software.

Elektronica offre tre livelli di complessità crescente:

  • Prodotti TFT di vari tagli che abbinati ad una SOM oltre ad un Touch Panel di tipo resistivo o capacitivo, che interagiscono con un host tramite interfaccia seriale asincrona UART oppure Full-Duplex SPI. Il software a corredo per disegnare la GUI è molto semplice e non prevede controlli preconfigurati. La serie M dei Clever Disaply della Winstar appartengono a tale categoria.
  • Prodotti TFT di tagli differenti con una SOM più potente, sempre abbinati ad un Touch Panel di tipo resistivo o capacitivo, che interagiscono con un host tramite interfaccia seriale asincrona UART oppure Full-Duplex SPI. Il software a corredo per disegnare la GUI è molto semplice nel suo impiego ma molto sofisticato in quanto prevede controlli preconfigurati, di cui si devono solamente specificare le caratteristiche estetiche (dimensioni, colore e via dicendo). La serie WV di Winstar e la LY-TFT di Yes Opto appartengono a tale categoria.
  • Prodotti TFT di varie dimensioni che prevedono una SOM, oltre ai TP di tipo resistivo o capacitivo, che può far girare un sistema operativo proprietario al fine di garantire una reattività elevatissima: un ambiente di sviluppo integrato consente di disegnare la GUI e di produrre il codice che verrà scaricato ed eseguito localmente dallo Smart Display col quale si interagisce tramite una pletora di interfacce. In alternativa è possibile optare per il sistema operativo Linux. Si tratta della serie di Smart Display della Itron Noritake.