OTTICHE SECONDARIE

(TIR, A RIFLETTORE, IN SILICONE ED IN VETRO)

Per poter avere l’effetto desiderato dai propri corpi illuminanti i progettisti devono poter forgiare la luce generata dalle sorgenti controllandone l’emissione. Questo determinante controllo della luce si attua attraverso le ottiche dette secondarie in quanto apponibili successivamente alla produzione del LED (la cui lente eventualmente presente viene detta per l’appunto primaria). Esistono due categorie di lenti: quelle in plastica PMMA o vetro e recentemente in silicone, che si occupano di formare la luce iniettata letteralmente entro di esse, dette Total Internal Reflection (TIR) e quelle basate su un riflettore in genere di materiale plastico e raramente di alluminio o simili.